Noi e la conquista della Punta dell’Aquila

Data Trekking: 17/05/2014
 
La Punta dell’Aquila è la cima di una montagna delle Alpi Cozie, alta 2.119 m situata tra la Val Sangone e la Val Chisone; sovrasta i comuni di Giaveno e di Pinasca, entrambi in Provincia di Torino.

quota partenza (m): 1258
quota vetta (m): 2119
dislivello complessivo (m): 861

Accesso:
Arrivando dalla tangenziale di Torino, uscire ad Avigliana est, proseguire per Giaveno, entrare in Giaveno e seguire la SP190 per Coazze fino al bivio per Pontedipietra-Maddalena-Aquila. Seguire la strada per Aquila fino all’ampio piazzale di Alpe Colombino, a quota 1240 m, dove si parcheggia la macchina. Sono tuttora presenti la stazione di arrivo del Pian delle Lese e i vecchi piloni degli skilift e della funivia, anche se in stato di totale abbandono.

Voglio fare solo una piccola premessa , QUESTO E’ UN GRAN BEL GRUPPO!

Selfie di gruppo a Punta dell'Aquila, panorama e tutti in rosso

La partenza è davvero dura. L’elevata pendenza e il sentiero sconnesso ci impegnano fin dai primi passi (si sale lungo le vecchie piste di una stazione sciistica, scoscese e rocciose).
Superati i primi tornanti ci fermiamo al primo punto panoramico da cui si può godere di una splendida vista sul paese di Giaveno; la difficoltà nell’arrivare impone una sosta, con la scusa di scattare “qualche” foto (sembriamo tanti cinesi in visita turistica, tutti con le macchine fotografiche in mano!).

Panorama di Torino e Giaveno dal sentiero per Punta dell'Aquila

Seguendo ancora la strada o tenendo la linea spartiacque, giungiamo in vista della ex-stazione di arrivo dello skilift, dopo un altro tratto un po’ ripido. Siamo così a quota 1857 m.
Dire “un po’ ” è riduttivo: abbiamo tutti le gambe a pezzi, anche per via di alcuni tratti ancora innevati.

A questo punto ci meritiamo un premio: una birretta!!!

Sentiero per Punta dell'Aquila, neve e rocce

Birretta finita e si riparte, la pendenza è sempre la stessa, forse anche peggio. Le gambe iniziano già a dar segni di cedimento, ma la fatica viene ripagata dai bellissimi scorci offerti dal percorso che ci distraggono dai vari acciacchi.

Nevai verso Punta dell'Aquila, impegnativo

Finalmente, superato l’ultimo pilone della vecchia funivia si inizia ad intravedere il rifugio, una sorta di miraggio, la fatica sparisce e praticamente ci si “arrampica”, visto che la pendenza aumenta ancora e il sentiero quasi sparisce.

Arrivati al rifugio ci troviamo davanti a tre attempati escursionisti, intenti a scolarsi con gusto una bottiglia di vino, ci guardano divertiti: in effetti in questo momento gli anziani distrutti sembriamo noi!

Li salutiamo, ci togliamo gli zaini e stramazziamo sul prato davanti al rifugio.

Bivacco Alpini a Punta dell'Aquila Giaveno e croce

Ci rifocilliamo e, lasciando gli zaini nel bivacco, ci dirigiamo alla nostra vera meta, la punta dell’Aquila con la sua croce (dal bivacco sono nemmeno 10 minuti di strada).

Ma prima dobbiamo lasciare un ricordo per i nostri amici dell’Accademia Torino, due righe sul diario del bivacco e via, si va.
Il panorama, durante questo breve tragitto, finalmente meno in salita, è spettacolare. Il panorama a 360° delle Alpi è meraviglioso, e con un po’ di fortuna riusciamo anche a vedere il Monviso.

Godersi il sole e il panorama a Punta dell'Aquila
Corsetta in cima a Punta dell'Aquila, croce e panorami
Notevole, vero ? Forse uno dei panorami più belli che si possono osservare da un posto così vicino a Torino, le “nostre” Montagne.
Ci perdiamo a guardare tutta la valle, i paesini e, in lontananza, Torino, da una prospettiva che non a tutti è concesso di avere.

Panorami, pranzo e foto a Punta dell'aquila

Ritornati al bivacco gruppo si divide: noi due rimaniamo su per passare la notte in tenda -“Tanto a noi il freddo ci fa una pippa!” le ultime parole famose- Vediamo gli altri scendere e scattiamo ancora qualche foto, il posto merita davvero la fatica fatta per arrivarci, guardate con i vostri occhi:

Ammirare il panorama, nuvole e natura a Punta dell'Aquila

Verticale e divertimento in vetta

Sapete qual’è il momento più bello quando fai un’escursione di due giorni ? La sera!
I cellulari non prendono e nessuno ti può disturbare, tutti quelli che sono saliti in giornata sono già tornati nelle proprie case. Tu, invece, sei li che continui a guardare le montagne in pieno relax mentale, devi spegnere ogni tuo pensiero e l’unica cosa che rimane da è ammirare quello che la natura ti offre: i colori del tramonto, le luci della città che cominciano ad accendersi, i pochi suoni che si affievoliscono e la tranquillità che solo la montagna riesce a trasmettere.

“Camminatore che vai cercando la pace al crepuscolo

la troverai alla fine della strada.”

Franco Battiato

Tramonto spettacolare a Punta dell'Aquila

Ma non è ancora finita qui, lo spettacolo, per fortuna, continua.
Basta un piccolo falò per scaldarti, un piatto caldo, un po’ di musica soft e ci si siede su qualche roccia ad ammirare quello che hai davanti .
Non senti più il freddo perchè la montagna ti coccola . Che sia per la fatica o per un panorama si rimane sempre senza fiato.
La gente ci chiede perchè camminiamo, perchè ci piace fare fatica e sudare, non gli rispondiamo, ma mostriamo questa foto.

La sera a punta dell'Aquila è meravigliosa, città e luci

                                         “Scalare non serve a conquistare le montagne;

                                          le montagne restano immobili,

                                          siamo noi che dopo un’avventura non siamo più gli stessi”

                                          Royal Robbin

Altre cime ci aspettano molto presto.

AP

%MINIFYHTML51ed5f24e57bd70693b98c4a66a63d9b8%

This article is available : Inglese

2017-06-01T10:27:47+00:00

4 Comments

  1. ezio 14 settembre 2014 at 20:15 - Reply

    bella gita e pensieri degni di ottime persone che amano la montagna anche a basse quote ,bravi

    • worldspaths 15 settembre 2014 at 12:28 - Reply

      Grazie mille! Le tue, sono parole che ci incentivano a continuare a scrivere.

  2. silvio 14 ottobre 2014 at 0:28 - Reply

    Ho messo il link nei “preferiti”. Spero di poter andare presto a “verificare”. 😉
    grazie per la condivisione !

Leave A Comment