Il Bar U Ranch, un salto indietro nel tempo

Il Bar U Ranch, un salto indietro nel tempo

Le grandi praterie, terre di cowboy e di indiani.

Ma anche ranch e mucche e non solo negli Stati Uniti. Da quello che abbiamo visto in Montana, l’attività principale è l’allevamento, insieme all’agricoltura. E le dimensioni dei pascoli rendono il tutto molto, molto spettacolare.

Bar U ranch

Benvenuti al Bar U Ranch, il ranch più grosso del Canada

Questo Ranch, ora sito storico nazionale, ha una lunga storia. Nato nel 1882 come associazione tra più piccoli ranch, è stato tra i primi grandi ranch nazionali e, soprattutto, uno dei pochi capace di sopravvivere praticamente un secolo, fino a quando, nel 1991, non è stato comprato quasi totalmente dallo Stato per farne un sito storico nazionale, che mantenesse vive le tradizioni e raccontasse la storia ai visitatori.

Bar U ranch

Catapultati indietro nel tempo con una passeggiata nel viale d’entrata

Il nostro Discovery Pass per l’entrata ai parchi ci permette di cominciare la visita senza dover pagare il biglietto, e dopo aver aspettato che smettesse di piovere, ci incamminiamo lungo il viale che porta al quartier generale del ranch.

Sulla nostra sinistra, un campo di grano viene tagliato con un vecchio carretto trainato dai cavalli, ed il signore alla guida pare divertirsi.

Bar U Ranch

Artisti lavorano a mano il cuoio con risultati straordinari

La nostra prima visita è alla zona dei macchinari, delle sellerie e dei capanni degli attrezzi: nulla è recente, tutto è ristrutturato o mantenuto, esattamente come era una volta. C’è il capanno con l’enorme trattore, la selleria con annessa bottega dell’intagliatore di cuoio – che volendo effettua produzioni su richiesta – alcune macchine antiche parcheggiate nel prato, un po’ a caso, come in molte fattorie ancora oggi, dove è facile trovare vecchie macchine mezze distrutte, lasciate lì ad arrugginire.

Bar U ranch

Antiche macchine e camion fanno bella mostra di sé qui e là

La tentazione di fare un giro su un trattore antico ancora totalmente funzionante e spesso utilizzato è tanta, ma credo che l’arresto sarebbe quasi immediato. Ci limitiamo ad una foto, arrampicata sulla grossa gomma.

Bar U Ranch

Il vecchio trattore ancora in uso è una meraviglia

Ormai siamo nel pieno centro di questa piccola cittadina composta di poche case: la vecchia posta alla nostra destra e la casa-dormitorio sulla nostra sinistra. Un piccolo giro nell’orto e nella cantina scavata sottoterra, a fianco all’orto, poi entriamo ed esploriamo la casa: una camerata con i letti dei braccianti al piano superiore, un salotto con caminetto di sotto, l’ampia sala da pranzo e la grande cucina. E’ tutto qui, ci si adattava con poco.

Una gentile signora che si occupa di questa casa, ci fa gustare degli squisiti biscotti di avena, una ricetta povera ma deliziosa, e del pane nero fatto in casa con burro, fantastico.

Bar U Ranch

Il carretto che trasporta le persone su e giù per il lungo viale, lo prenderemo al ritorno

Facciamo un giro nelle stalle e nelle scuderie, tutte costruzioni in legno, perfette, piene di attrezzi ed addirittura una riproduzione di una mucca in legno, all’esterno, su cui esercitarsi con il lazo.

Ogni luogo è dotato di cartelli con spiegazioni varie, cos’era la costruzione, che funzione aveva, la storia del luogo, qualche aneddoto particolare. Insomma, di sicuro non ci si annoia.

Bar U Ranch

Entrare nelle scuderie è davvero come varcare la porta di un altro mondo

Per ultimo, dopo tutte le casette accoglienti e i vari capanni, ci siamo lasciati l’accampamento. E’ la riproduzione abbastanza fedele di un vecchio campo. Un signore gentile ci racconta un po’ di storia.

Bar U Ranch

Un campo vero e proprio, con tanto di caffè fumante e squisito cotto sulla brace

Le mucche, fino a non troppo tempo fa, venivano lasciate libere di pascolare nelle infinite praterie dell’Alberta e spesso sconfinavano addirittura in Montana o nello stato canadese del Saskatchewan. I cowboy, due volte l’anno, dovevano andare a marchiare i nuovi vitelli o a raccogliere i capi che servivano per la vendita o il macello.

L’operazione era tutt’altro che facile e durava un paio di mesi, durante l’estate e fino all’autunno: partivano anche cento uomini, con diversi carri che fungevano da cucina e che rallentavano gli spostamenti, ma erano assolutamente necessari.

Si viaggiava poche ore al giorno perché prima di partire si doveva smontare tutto il campo, cosa non semplice, e poi prima del tramonto tutto doveva essere rimontato – non esistevano le torce portatili e le tende che si montano in pochi minuti – e bisognava avere più cavalli a testa per poter andare a recuperare tutte le mucche ed i vitelli. Ci racconta, infatti, che una mucca particolarmente testarda poteva facilmente stancare un cavallo.

Bar U ranch

Questa era la grande città di cento anni fa che raccoglieva qualche centinaio di persone, incredibile

Pieni di belle storie in testa e con un caldo caffè tra le mani, saltiamo sul carro che ci riporta all’entrata, affascinati da questo modo di vivere così diverso ed impensabile per noi.

Ci godiamo lo spettacolo di tutte le casette dall’alto della piccola collina e poi è ora di rimettersi in macchina. Ma non per molto, infatti, arrivati a Longview, sulla strada per Calgary, un saloon attira la nostra attenzione e le nostre pance vuote.

Longview

Birra, panino con strisce di carne in salsa BBQ e musica dal vivo

La scelta non potrebbe essere migliore. Oltre ad un ottimo panino pieno di strisce di carne immerse nella salsa barbecue, gli affezionati clienti della domenica – come ci viene spiegato – ci rallegrano con delle ottime canzoni country: c’è la signora, nonchè cantante solita esibirsi in questo locale, che dirige il gruppo di uomini di tutte le età, dall’anziano nonno al giovane ragazzo, insomma, qui la musica è una tradizione che si tramanda di padre in figlio.

Buon appetito a tutti!

Poi è ora di tornare a casa, direzione nord, Carstairs ci aspetta.

AP

This article is available : Inglese

2017-09-18T15:24:15+00:00

Leave A Comment