Informazioni

Data trekking: 27-28/07/2019

difficoltà: T [scala difficoltà]
esposizione: Nord
quota partenza (m): 1960
quota vetta/quota massima (m): 2224
dislivello totale (m): 350

località partenza: Bessen Haut(Torino)

Ultimo weekend sulle nostre Alpi prima della lunga pausa estiva che trascorreremo in Sud America, alla scoperta delle altissime e fantastiche montagne della Cordigliera Peruviana. Ci accompagnano due amici che da un po’ non ci facevano compagnia nelle nostre avventure settimanali, Maic e Cice, un ottimo modo di salutarci prima delle vacanze.

Ci dirigiamo in Valle Argentera, una valle che abbiamo ormai frequentato tantissime volte, per andare a dormire in un nuovo bivacco, il Bivacco Rattazzo. Costruito da poco, l’avevamo visto prima che fosse inaugurato, quando eravamo venuti in questa valle con tantissimi amici a passare una notte in tenda in occasione del compleanno di Atti.

Bivacco Ugo Rattazzo

Inizia l’ultima avventura della stagione, le prossime montagne che vedremo saranno lontane da casa e altissime

Partiamo nel tardo pomeriggio, tardissimo, ma va bene, la camminata è davvero breve, ci basterà poco più di un’ora. Saliamo in macchina dopo un’abbondante spesa e in poco meno di due ore eccoci a Sestriere, l’ultima tappa prima di dirigerci al bivacco, per poter recuperare le chiavi. Risaliamo in macchina ed a poche curve di distanza eccoci nel piccolo paesino di Bessen Haut. Parcheggiamo e riempiti gli zaini, finalmente ci mettiamo in cammino.

Bivacco Ugo Rattazzo

Stare immersi nella natura stimola la romanticità

Prendiamo il sentiero che con circa 350 metri di dislivello e qualche chilometro di sviluppo, ci porta in breve all’ennesima curva e poi al Bivacco Rattazzo. E’ proprio un gioiellino come ce lo ricordavamo, tutto in legno con un bel balconcino ed un posto per fare il fuoco in sicurezza, c’è addirittura un tavolo con qualche sgabello fuori.

Bivacco Ugo Rattazzo

Momenti di felicità immersi nel bosco e lontani dallo stress cittadino

Non abbiamo voglia di andare in giro, meglio godersi questo splendido gioiellino immerso nel bosco. Ci sistemiamo comodi e passiamo le ultime ore di luce fuori, assaporando il paesaggio e sfruttando la bella terrazza. Andiamo anche a raccogliere tanta legna per il falò di stasera, non possiamo non approfittare di un bel fuoco caldo per scaldare la serata e guardare le stelle.

Bivacco Ugo Rattazzo

Dopo la fatica di una mattinata oziosa è ora di riempire le pance

Dopo una lunga notte rilassante, ci svegliamo che il sole nel cielo è già alto. La mattinata trascorre veloce, oziando dentro e fuori il bivacco, mangiando, mangiando e mangiando ancora: dopo una colazione abbondante e qualche spuntino, ben presto è ora di fare pranzo. Qualche brace che ancora non si è spenta da ieri sera e due ottimi polmoni, ed ecco che abbiamo di nuovo un bel fuoco arrostire pane con pezzetti di prosciutto crudo.

Bivacco Ugo Rattazzo

Dopo cibo e relax, è arrivata l’ora di faticare un pochino

Dopo tanto oziare, è finalmente ora di un po’ di movimento: lasciamo tutto ciò che pesa al Bivacco Rattazzo, avendo le chiavi siamo certi che sarà al sicuro. Anche se la giornata non promette benissimo con le nuvole già ben visibili sopra le vette, proviamo comunque a raggiungere la vetta della Rognosa, ma la nostra gita dura ben poco. Arrivati al colle ecco che la nebbia si fa fitta, così fitta non vedere a qualche metro da noi e così torniamo indietro.

Bivacco Ugo Rattazzo

Una rilassante passeggiata ci porta alla fine di questa tranquilla avventura

E così rientriamo al bivacco, lasciando la nebbia sulle vette e dirigendoci verso il sole. Arrivati al Bivacco Rattazzo, sistemiamo gli zaini e diamo una bella pulita, per lasciarlo meglio di come l’abbiamo trovato, o almeno provarci. E’ stata un’ottima scoperta, torneremo sicuramente diverse volte in questo bel gioiellino, magari durante uno dei tanti weekend invernali, come base per una bella sciata.

Ci incamminiamo sotto un bel sole caldo verso la macchina e ben presto siamo di nuovo nella piazza di Sestriere a riconsegnare le chiavi e chiudere quest’ultimo weekend, le prossime montagne che vedremo saranno alte più di 6.000 metri, che spettacolo!

Per prenotare il bivacco scrivere direttamente sulla pagina facebook del bivacco: https://www.facebook.com/pg/BivaccoUgoRatazzo/posts/

AP