Data trekking: 05-06/09/2020
EE/F  [scala difficoltà]

esposizione prevalente: Varie
quota partenza (m): 1.670
quota vetta/quota massima (m): 2.831
dislivello salita totale (m): 964
località partenza: Grange Selvest (Cuneo, Piemonte)

 

Questo weekend fuori porta comincia con intenzioni ben diverse dallo scalare una montagna: siamo diretti a Varazze, al mare – sì, incredibile! – ed abbiamo un’ottima ragione: siamo in esplorazione per cercare un nuovo compagno di avventure e vedremo un furgone attrezzato. Se ci piacerà, torneremo presto per portarlo tra le nostre montagne e farci scarrozzare in giro alla scoperta di nuove avventure.

Ma ovviamente non ci facciamo sfuggire la possibilità di salire in cima a qualche vetta. Senza nemmeno guardare una mappa o accertarci del percorso, decidiamo di dirigerci in valle Stura, dopo Demonte e verso Serre e poi Preit, per andare a scoprire la fantastica Rocca la Meja. Più volte abbiamo avuto modo di scrutarla dalle cime circostanti e troppe ci siamo detti che avremmo dovuto scalarla. E così ora siamo diretti lì, ma solo ormai a metà strada ci accorgiamo che non è proprio di strada per Varazze, anzi, ci aspetta una lunga strada.

Rocca la Meja

Una fantastica passeggiata in mezzo ai colori di fine estate della Valle Stura

Dopo una bella discussione strada facendo – ovviamente non è colpa di nessuno dei due se non abbiamo guardato dov’è! – e la situazione che non migliora arrivati al parcheggio, visto che scopriamo sia chiuso per troppa affluenza e siamo totalmente fuori orario per la navetta. Proviamo ad aspettare e vedere se arriva qualcuno per un passaggio, ma nulla, alla fine ci rassegniamo e ci mettiamo in marcia con qualche centinaia di metri di dislivello in più rispetto a quello avevamo pensato…ed anche a diversi chilometri in più. Senza perdere altro tempo, ci incamminiamo su per il sentiero a tornanti che ci fa prendere quota in fretta ma senza affaticarci troppo, gustandoci anche qualche lampone e fragolina di bosco strada facendo.

Rocca la Meja

Lasciato il bosco, eccoci al cospetto dei giganti di roccia che circondano Rocca La Meja

Ben presto arriviamo verso la parte alta della vallata, dove la salita è più leggera, ma i chilometri che mancano sono ancora diversi. Camminiamo tra verdi pascoli e mucche distese al sole, prima seguendo il sentiero e poi una traccia meno chiara che porta diretta oltre il Colle del Preit. Non ci passiamo perché essendo partiti da più bassi abbiamo preso una traccia più diretta per guadagnare strada. Ci avviciniamo al Gias della Margherina e lo superiamo andando praticamente ai piedi dalla parete della Rocca La Meja ed è finalmente ora di trovare un bel posticino panoramico per piantare la tenda, una collinetta un po’ pianeggiante con bella vista su tutta la valle e dopo poco troviamo il nostro posticino perfetto: eccoci qui, con gli ultimi raggi di sole, pronti a goderci un bell’aperitivo speck e formaggio e poi una stellata fantastica, all’ombra della Meja.

Rocca la Meja

Dopo la fatica, il meritato relax con una piacevole compagnia che cerca di rubarci la cena

Andiamo a dormire che ormai è già buio, per poi tornare fuori qualche ora dopo a fare qualche foto alla Via Lattea ed ai milioni di stelle sopra le nostre teste. Al risveglio è ancora tutto buio, notte fonda praticamente: prepariamo una veloce colazione con un bel tè caldo per rimetterci in moto, chiudiamo tutto nella tenda e siamo pronti per scalare la Rocca La Meja. Un po’ a tentoni raggiungiamo la parete, puntando alle luci di un piccolo gruppetto sceso dal Colletto della Meja e già ben più avanti di noi, trovandoci a salire su dritti per la pietraia visto che non troviamo la traccia subito. Le gambe bruciano subito, passare dal caldo, rilassante sacco a pelo al buio e freddo, a salire su per pietre e rocce non è molto piacevole e ci vuole un po’ ad abituarsi.

Rocca La Meja

La notte stellata, la salita alle prime luci del mattino e poi finalmente i primi raggi di sole, un’alba aspettata a lungo e semplicemente meravigliosa

Arrivati a metà del lungo traverso il cielo comincia a schiarirsi velocemente, e non ci resta che arrivare all’agognato tornante perchè tutto sia illuminato dai primi raggi di sole che cominciano a spuntare dietro le vette che ci circondano. Ci addentriamo nella rocca vera e propria, infilandoci nel secondo lungo traverso che in breve ci conduce all’attacco del semplice canalone tutto gradoni che culmina nell’unico tratto attrezzato, non tanto per la difficoltà ma perché la roccia è diventata liscissima dai tanti passaggi e non offre appigli sicuri. Ci issiamo su ed in breve eccoci in vetta: la croce è lì, illuminata da un’alba fantastica che colora tutto di rosso e arancione, davvero fantastica. Del gruppo che stava salendo davanti a noi non c’è traccia, sembrano spariti nel nulla, chissà dove sono!

Rocca la Meja

Eccoci finalmente in vetta, illuminata dai primi raggi di sole di una splendida giornata, con una vista indimenticabile

Rimaniamo un po’ in vetta, nonostante la temperatura sia bella fresca, aspettando che i raggi di sole illuminino la valle almeno fino alla nostra tenda. Non abbiamo tanto tempo per scendere e la strada del rientro è lunga, ma ce la prendiamo comunque comoda, senza fretta. Ben presto siamo di nuovo alla tenda e smontiamo tutto, rifacendo gli zaini belli pesanti, anche se svuotati di acqua e cibo rispetto all’andata.

Prendiamo un sentiero diverso rispetto all’andata, tagliando ancora più dritti ora che sappiamo com’è il terreno, dritti verso la strada a tornanti che poi ci porterà alla macchina. Ci mangiamo ancora un bel po’ di lamponi e mirtilli strada facendo e prima di rendercene conto eccoci sui tornanti, che diventano infiniti, come sempre quando si sa di esser vicini ma non arrivati. Poi l’ultima curva, la fontana, un bel carico di acqua fresca ed ecco la macchina, che scopriamo avevamo lasciato con un finestrino aperto, per fortuna il guardiano del parcheggio ha controllato che nessuno ci facesse brutti scherzi.

Rocca la Meja

Si rientra con calma, una rilassante passeggiata nei boschi, il sole non ancora troppo alto in cielo e le ombre che pian piano lasciano il bosco

E’ ora di cominciare una nuova avventura che se tutto va bene ci regalerà 4 ruote e nuove strade e meravigliose destinazioni, tutte da scoprire. Ci dirigiamo a Varazze ed alla nostra, forse, nuova casa a 4 ruote.

AP